Progetti

2022: Nuove Aule per gli Studenti di Erichanatham

Con il tuo aiuto offriamo a 150 studenti di terminare gli studi

Il progetto di ampliamento di uno dei due edifici scolastici di ASSEFA NGO a Erichanatham (Tamil Nadu) prevede la sua sopraelevazione, con la costruzione di quattro nuove aule.

Al momento il complesso scolastico, che serve 40 villaggi, è frequentato da 447 studenti (dai 4 ai 16 anni di età), seguiti da 25 insegnanti. Le classi vanno dalla materna al biennio della scuola media superiore, passando per la scuola elementare e la media inferiore.

Purtroppo per mancanza di aule gli studenti non possono terminare gli ultimi due anni della scuola media superiore (il nostro triennio con esame di maturità finale) all’interno del plesso scolastico di Erichanatham, ma devono spostarsi fuori sede con aggravio di costi per le famiglie: questo spesso si traduce nell’impossibilità per gli studenti meno abbienti di terminare il ciclo scolastico superiore, che permette l’accesso all’università e alle scuole professionali superiori.

Con la sopraelevazione dell’edificio la scuola di Erichanatham accoglierà 150 nuovi studenti e diventerà al contempo una Higher Secondary School, soddisfacendo appieno le norme dello Stato del Tamil Nadu in materia di scuola superiore.

Il complesso scolastico originario risale al 1996, quando fu costruito il primo edificio a tre piani per ospitare i giovani che non frequentavano la scuola (nessuna offerta formativa in zona) e che andavano in violazione di legge a lavorare nelle fabbriche di fiammiferi e fuochi d’artificio, presenti nella vicina area semi-arida di Sivakasi.

All’epoca i ragazzi venivano strappati al lavoro minorile grazie alla sapiente opera di persuasione nei confronti dei genitori da parte di Vasantha e di Loganathan, rispettivamente Direttrice delle Sarva Seva Schools e Direttore Esecutivo di ASSEFA NGO.

Nel tempo l’edificio scolastico, divenuto troppo piccolo per accogliere tutti gli studenti, è stato affiancato prima da una nuova costruzione a un piano (quella che verrà sopraelevata) e poi da una secondo edificio simile a due piani.

Il costo del progetto è di circa 60.000,00 euro (5.045.600,00 rupie)

Puoi fare una donazione tramite:

  • carta di credito online con PayPal;
  • bonifico bancario – IBAN: IT 97 T 03069 01400 100000132649 (intestato ad ASSEFA GENOVA ODV);
  • bollettino postale – c/c postale nr. 18461160 (intestato ad ASSEFA GENOVA ODV);
  • assegno bancario;
  • contanti.

Ricorda che le erogazioni alle Associazioni di Volontariato, effettuate tramite carta di credito, bollettino postale, assegno o bonifico bancario – conservando le ricevute dei versamenti – sono deducibili/detraibili fiscalmente nei limiti e con le modalità stabilite per legge.

Iscriviti (assefage@libero.it) alla nostra CIRCOLARE per essere sempre aggiornato sulle attività di ASSEFA GENOVA ODV.

Ogni anno come Gruppo ci impegniamo a finanziare un progetto di sviluppo specifico in India in base alle proposte di ASSEFA ONG, perché pensiamo sia importante offrire un aiuto concreto ai nostri amici indiani per dar loro la possibilità di alzarsi, stare in piedi e finalmente camminare da soli.

In genere i nostri interventi di sostegno riguardano grandi progetti per le comunità nel loro insieme:

  • la costruzione di nuove scuole o l’ampliamento/miglioramento di quelle esistenti – l’ultima finanziata è quella di Erichanatham (2010-2011, 2016-2017 e 2018);
  • la bonifica di terre incolte, con la costruzione di invasi artificiali o lo scavo di pozzi – ultimo progetto terminato è quello di Sivagangai (2008-2012);
  • la creazione di piccoli impianti di trasformazione di derrate agricole e del latte fresco, per permettere ai contadini e alle donne dei gruppi di auto-aiuto di ricevere prezzi equi per i loro prodotti durante tutto l’anno – gli impianti più recenti sono quelli di Uchapatti (2013-2014, trasformazione degli ortaggi freschi in conserve piccanti o pickles e confezionamento di caffè e spezie provenienti dalle Palani Hills) e di Vembarali (2012-2013, trasformazione della frutta fresca in succhi pastorizzati);
  • la creazione di centri di formazione a livello di area – per gli agricoltori (con annesso vivaio) e per le donne (corsi di cucito e artigianato).